Riapre il Castello Ducale Pignatelli

Il primo documento in cui si menziona l'esistenza del borgo fortificato risale al 1096 anno in cui numerosi armigeri furono inviati dal Castello in Terra Santa. Nel corso dei secoli il Castello è appartenuto a numerosi feudatari, si sono succeduti feudatari normanni, angioini e aragonesi che hanno modificato la struttura del Castello adattandolo alle nuove esigenze difensive dell'epoca. Dopo il disastroso terremoto che causò enormi danni al borgo e al Castello nel 1456, il feudo venne aquistato dal duca di Monteleone Ettore Pignatelli e nel 1501 passò ad Alberico Carafa, ...

a loro succedettero i Gagliardi, coi quali la contea divenne ducato e il il terzo duca di Montecalvo e primo di casa Pignatelli fu Carlo, dal 16 novembre 1669, che ricevette titolo e feudo da sua madre, Isabella Gagliardi, coniugata con Giovanni Battista Pignatelli. Nel 1611 il Castello venne definitivamente mutato in Palazzo ducale. Altri due eventi tellurici del 1930 e del 1962 hanno danneggiato la struttura del Palazzo. Recentemente restaurato, al Palazzo attualmente si accede per via Santa Maria, che porta, attraverso un arco del 1505, nel cortile antistante, dal quale si accedeva tramite una scalinata al piano nobile. Il castello era diviso internamente in due piani; le cortine si elevano per oltre dieci metri e si sviluppano per una lunghezza di venti metri. Sul lato nord-occidentale agli angoli della fortificazione si possono vedere i bastioni settencenteschi progettati per difendersi dall'assalto delle truppe nemiche. Ultimati i lavori da poco tempo la nuova struttura sarà di nuovo fruibile al pubblico. E’ prevista per Sabato 10 Agosto 2013 alle ore 19,00 l’apertura dei locali ristrutturati con molte particolarità al suo interno. L’amministrazione comunale ha predisposto le cose nel migliore dei modi. L’antico maniero diventerà un centro servizi. Sono state allestite al suo interno delle sale per eventi e mostre. Curata da Giovanni Bosco Maria Cavalletti, sarà presentata una mostra dedicata alla araldica delle famiglie feudatarie di Montecalvo, e curata e presentata da Mario Sorrentino e Francesco Cardinale, una mostra fotografica a tema "Gli ultimi abitanti del Trappeto". E’ stata anche allestita una modernissima ed innovativa sala multimediale adatta a congressi e conferenze. Riguarderà alla nuova struttura traghettare i Montecalvesi da un passato, un po’ troppo passato, ad un futuro ancora un po’ lontano da venire.

Foto: Franco D'Addona

Foto: Gianluca Cardinale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna